TRAIL AID – MOTTY NIGHT


Poteva un personaggio iper appassionato di Trail come Max Valsesia non dare il proprio contributo ad una iniziativa come Trail Aid “Corro, ma non tremo”? La risposta è no, ma andiamo per ordine.
Trail Aid “Corro, ma non tremo” è una iniziativa benefica che ha lo scopo di raccogliere fondi a favore delle popolazioni terremotati attraverso l’organizzazione di trail “autogestiti” come viene ampiamente esposto nella pagina del gruppo su FaceBook dove è possibile anche consultare in tempo reale il calendario del vari trail organizzati in varie parti d’Italia.

Ma ritorniamo al “vulcanico” Max che ha voluto dare il contributo del suo gruppo all’iniziativa  Trail Aid “Corro, ma non tremo” mettendo insieme lo scorso venerdì 10 novembre il trail autogestito “Sulle tracce del Motty” con partenza da Armeno presso la locale sede degli Alpini che oltre a mettere la loro struttura a
disposizione, hanno servito bevande calde a tutti i partecipanti al ritorno.
Questo “allenamento” si è svolto lungo l’anello del “Mottyno” e nonostante il meteo non certo dei migliori ed il percorso innevato, la partecipazione è stata numerosissima! 

Al termine dell’evento, Max Valsesia ha scritto: “grazie ragazzi, mi verrebbe di mettere i vostri nomi elencati uno dopo l’altro ma eravate tantissimi e avete sfidato una serata che non lasciava presagi positivi invece la neve e quella timida nebbia ha reso il bosco incantato ed i vostri respiri magici. Ogni volta che mi voltavo e vedevo quel serpente di luci, l’emozione era tanta ed il fatto di correre insieme fianco a fianco anche con gente sconosciuta, ma dal sorriso positivo. l
Lasciatemelo dire: beati voi che avete avuto coraggio e generosità ad affrontare questa sfida, sono certo che il vostro buon animo e gesto vi renderà ancor più genuini nel tempo.
A volte ci lasciamo prendere e sconfiggere dalla pigrizia, ma è proprio mettendosi in sfida che si cresce dentro se poi ci mettete anche la vostra generosità, ecco che ieri sera eravamo nel posto giusto nel momento giusto ed a favore di chi non può in questo momento assaporare il calore della propria casa, ma vivendo in tende o camper per non abbandonare la loro vita, il loro paese, la loro storia distrutta da un’evento ingiusto e devastante che non si vorrebbe augurare e capitasse mai a nessuno!
Erano presenti alcuni top Trail Runner come  Stefano, anzi due Stefani, Cecilia, Lara, Marco, Filippo e tanti altri nomi, tanti nomi amici che avete acceso le strade e le colline del Motty.”

“Abbiamo raccolto al momento 930 euro – ha aggiunto Max – ma avendo ancora dei pettorali lasciamo il modo, a chi fosse interessato o a che venerdì sera si è ‘fatto timido’ di poterlo acquistare mettendovi in contatto attraverso la pagina FaceBook  del Trail del Motty oppure lasciando l’offerta al ‘bar al Buco’ da Dario, a Gravellona Toce.
Una volta finiti i pettorali, vi metterò in visione dove verranno indirizzati le vostre offerte.
Per ultimo, ma sono i primi, un grazie agli Alpini per la loro disponibilità nell’averci messo a disposizione la loro sede: era il miglior modo per dare il giusto senso alla serata e nella loro casa il cuore batte sempre e la semplicità della serata e scivolata via con tanta sincerita.
Ragazzi i vostri occhi al ritorno erano più ricchi, il domani vi renderà onore: statene certi! E magari questa primavera ci riproveremo con una nuova uscita!”

Che altro aggiungere se non: “Complimento Max per l’iniziativa e per la passione!”.

 

Potrebbero interessarti anche...